Bonus facciate e isolamento termico a cappotto

Cappotto termico e bonus facciate, Firenze, Prato e Pistoia

Cappotto termico e Bonus facciate 90%

Il nuovo bonus facciate 2020 è stato introdotto al fine di incentivare il rifacimento delle facciate degli edifici ubicati nelle zone A e B delle nostre città. In particolare l’incentivo consiste in una detrazione del 90% da scontare si IRPEF o IRES e non sono stati introdotti limiti di spesa. Alcuni Comuni hanno aggiunto altre forme di incentivazione ad es. Firenze propone uno sconto sul COSAP per interventi di rifacimento delle facciate.

Progetti e pratiche per il bonus facciate 2020

Per poter usufruire del nuovo bonus facciate occorre porre molta attenzione ai requisiti e alle specifiche richieste dalla normativa, in particolare prima di eseguire l’intervento occorre depositare al comune le necessarie pratiche edilizie e qualora si realizzi anche il cappotto termico, occorre presentare anche la pratica termotecnica ex Legge 10/91 in base al DM 26/6/2015 requisiti minimi.

I nostri tecnici e termotecnici si occuperanno di tutte le pratiche necessarie per poter usufruire dell’incentivo bonus facciate anche nel caso di realizzazione del cappotto termico:

  • Progetto dell’intervento di rifacimento delle facciate, computo metrico e capitolato da far quotare alle ditte
  • Pratiche edilizie / permessi presso il Comune
  • Eventuale pratica termotecnica (in caso di realizzazione di cappotto termico in facciata)
  • Adempimenti inerenti la sicurezza del cantiere
  • Direzione dei lavori di rifacimento delle facciate e cappotto termico
  • Asseverazione finale per Bonus Facciate
  • Pratica ENEA per cappotto termico con bonus facciate 90%

Contatti e preventivi:

Contattaci

E-mail: studio@luminance.it – Tel: 3389486390

Informazioni utili sul nuovo bonus facciate e l’isolamento termico a cappotto

  • Interventi che usufruiscono del bonus facciate del 90%
  • le spese che possono essere detratte al 90%
  • interventi di efficienza energetica che riguardano la facciata
  • adempimenti e requisiti per il bonus facciate

Interventi che usufruiscono del bonus facciate del 90%

La nuova forma di incentivazione mira ad agevolare la riqualificazione delle facciate degli edifici che risultano ubicati nelle zone A e B (classificazione dello strumento urbanistico). In particolare vengono incentivati gli interventi relativi alla pulitura e tinteggiatura esterna delle pareti che costituiscono la facciata, balconi, ornamenti e fregi esterni. Gli interventi agevolati devono essere eseguiti sull’involucro esterno visibile dalla strada, oppure da spazi ad uso pubblico (interventi su chiostrine, cortili o spazi interni sono incentivati solo se visibili dalla pubblica via o suolo pubblico). In particolare rientrano nella lista degli interventi che godono dell’incentivo:

  • il consolidamento, il ripristino, il miglioramento delle caratteristiche termiche (isolamento termico a cappotto) anche in assenza dell’impianto di riscaldamento e il rinnovo degli elementi costitutivi della facciata esterna dell’edificio, che costituiscono esclusivamente la struttura opaca verticale, nonché la sola pulitura e tinteggiatura della superficie
  • il consolidamento, il ripristino, compresa la sola pulitura e tinteggiatura della
    superficie, o il rinnovo degli elementi costitutivi dei balconi, ornamenti e dei fregi
  • i lavori riconducibili al decoro urbano quali quelli riferiti alle grondaie, ai pluviali, ai parapetti, ai cornicioni e alla sistemazione di tutte le parti impiantistiche che insistono sulla parte opaca della facciata.

Infissi, serramenti, cancelli ecc… non rientrano invece nel bonus facciate.

Le spese che possono essere detratte al 90%

La detrazione agevolata spetta per tutte le spese inerenti l’intervento, ad esempio l’acquisto dei materiali che servono per il rifacimento della facciata, la manodopera, pannelli isolanti, cappotto termico, rasanti, ponteggi, smaltimento in discarica dei materiali di risulta, tasse, bolli, diritti dovuti ai comuni, occupazione suolo pubblico, progetti, pratiche, APE, pratica ENEA, ecc…

Interventi di efficienza energetica che riguardano la facciata

Il bonus facciate può essere utilizzato anche per la realizzazione di un cappotto termico applicato alle facciate dell’edificio. In tal caso occorre che prima dell’intervento venga presentata al comune la relazione ex Legge 10 / 91 ai sensi del DM 26/6/2015 detto anche decreto requisiti minimi. Per usufruire del bonus facciate il cappotto termico realizzato dovrà rispondere a tutte le verifiche e controlli richiesti dalla legge  in maniera equivalente a quanto accade per il bonus per risparmio energetico (ecobonus).

Adempimenti e requisiti per il bonus facciate

  • Conservare le fatture
  • Conservare le ricevute dei bonifici effettuati (bonifici parlanti)
  • Ottenere le pratiche edilizie e permessi necessari (CILA, SCIA, Legge 10/91, piano sicurezza, comunicazioni ASL, ecc…)
  • Delibera assemblea per interventi sui condomini
  • Consenso ad effettuare i lavori (se il proprietario è diverso dal conduttore dell’immobile)
  • Asseverazione finale del termotecnico (per cappotto termico)
  • Pratica ENEA (per cappotto termico)
  • Per gli adempimenti fiscali consultare un commercialista / CAF